Red Canzian e la figlia Chiara autori di un libro sulla cucina vegana

Di , scritto il 27 Febbraio 2017

Si intitola Sano, vegano, italiano ed è già in tutte le librerie. Un testo per certi versi inaspettato, scritto a quattro mani da Red Canzian, storico bassista dei Pooh e dalla figlia Chiara, dedicato alla filosofia e alla dieta vegana, spiegata in maniera semplice e gentile agli “onnivori”.

Nella nostra società non mancano infatti fraintendimenti e confusioni riguardo all’alimentazione vegan (che, a differenza di quella vegetariana rifiuta non soltanto carne e pesce, ma anche latte e latticini, uova, miele e tutti i derivati da prodotti di origine animale). Cosciente del fatto che questa radicale filosofia di vita è spesso raccontata o recepita male, gli autori non vogliono imporre nulla né scontrarsi con chicchessia, ma soltanto presentare e confrontarsi. La prima parte del libro è a cura di Red e parla delle ragioni della scelta, mentre la seconda è firmata da Chiara che da qualche anno non è soltanto musicista ma anche cuoca) e contiene una serie di 50 ricette scritte dalla stessa e suddivise per periodo dell’anno. Collegata alla pubblicazione del libro anche una serie di cene vegane in varie città (ne vedete una locandina promozionale qui accanto) in cui Chiara e Red rispettivamente parleranno e cucineranno per i presenti, tentando di far capire che la cucina vegana non è affatto sinonimo di privazione.

Per Red questo è il quarto libro. Nel precedente (Ho visto sessanta volte fiorire il calicanto) l’argomento vegan era stato soltanto accennato, mentre qui l’ex Pooh racconta i dettagli della sua scelta, ma in maniera poetica ed emozionale, con un buon equilibrio tra informazione e racconto, sempre nel rispetto delle opinioni altrui.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2017, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009