Natalie Portman dal ballo alla fantascienza

Di , scritto il 01 Febbraio 2012

Natalie_portman_Ballerine_BlochAbbiamo ancora negli occhi le stupende immagini di The Black Swan, con Natalie Portman (e la sua controfigura) che volteggia sul palco con un paio di ballerine ai piedi nella cupa e strana vicenda messa in atto da Darren Aronofsky, ma la grande attrice non si ferma un attimo ed è impegnata su mille fronti.

Proprio quel film le ha trasmesso la passione per le ballerine Bloch e l’abbiamo vista spesso con quelle scarpe da donna ai piedi mentre annunciava nuovi progetti fra i quali troviamo ora fantascienza e veganesimo.
Da poco madre, Natalie Portman rispunta nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 3 febbraio con Hesher è stato qui, film da lei fortemente voluto e sua prima esperienza come produttrice.

Proprio il ruolo di produttrice deve essere piaciuto molto alla star che, fra le altre cose, è vegana e vorrebbe quanto prima produrre un documentario tratto da un libro che riguarda proprio questa scelta, Se niente importa di Jonathan Safran Foer, opera che ha il vantaggio di narrare e mostrare piuttosto che tentare di evangelizzare e forzare questa scelta.

Ma Natalie è e rimane prima di ogni altra cosa una grande attrice: la vedremo quindi, si spera, anche «solo» in questi panni in quanto dovrebbe tornare a collaborare con i fratelli Wachowski che avevano già svolto il ruolo di sceneggiatori e produttori di V for Vendetta (la ricordate nel ruolo di Evey?) e potrebbero ora averla come protagonista in un prossimo titolo fantascientifico che hanno messo in cantiere, Jupiter Ascending.

Da stella del ballo a stella fantascientifica, la carriera di questa splendida donna è sempre in ascesa!



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009