Hit so hard: tutto quello che avreste voluto sapere sulle Hole…

Di , scritto il 01 Aprile 2011

Ha fatto la sua comparsa in giro per i festival e dovrebbe essere presto disponibile anche in distribuzione Hit so hard, un documentario che ruota intorno alla vita della batterista delle Hole, Patty Schemel, in seguito licenziata dalla band a causa di un suo gravissimo stato di tossicodipendenza che le rendeva ormai impossibile suonare.

Hit so hard, però, oltre a occuparsi della Schemel ci fornisce un accurato ritratto del gruppo di Courtney Love e emergono alcuni particolari interessanti e poco conosciuti sulla carriera delle Hole, spaziando dalle semplici curiosità a fatti ben più importanti.
Veniamo quindi a sapere che il licenziamento di Patty fu voluto più che altro dal produttore di Celebrity Skin, che esigeva a tutti i costi un turnista in grado di suonare le sue parti con decisione, mentre altri membri della band erano contrari in quanto si sarebbe persa parte dell’anima delle Hole.

Ed emerge anche per esempio il fatto che Courtney odiava il primo album della band e lo giudicava inascoltabile o che nel video di Celebrity Skin la Schemel venne sostituita da una sosia per non far perdere impatto all’immagine del gruppo oppure, ancora, che Courtney Love non riesce nemmeno a ricordarsi di quando accettò Patty dentro il gruppo in quanto anche lei era completamente drogata in quel periodo.

Cosa è successo alla Schemel dopo l’allontanamento dalle Hole? La ragazza ha passato ancora parecchio tempo nella più totale tossicodipendenza, prostituendosi in strada per trovare i soldi per la droga. C’è un lieto fine alla storia: da qualche anno la Schemel si è disintossicata e ora si guadagna da vivere facendo la dog sitter…


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009