“El Presidente”, la serie di Amazon Prime Video sul FIFA-Gate

Di , scritto il 04 Giugno 2020

Si tratterà di otto puntate, una via di mezzo tra parodia e realtà (quasi incredibile) che racconteranno uno scandalo sportivo epocale, con un giro di soldi di ben 150 milioni di dollari. Stiamo parlando del cosiddetto FIFA-gate, il tristemente noto scandalo di corruzione nel mondo calcio scoperto nel 2015. La serie, che sarà presentata su Amazon Prime Video a partire dal 5 giugno (in versione originale e con sottotitoli) si svolge nelle più importanti metropoli dell’America del Sud, degli Stati Uniti e d’Europa.

Il grande scandalo che ai tempi scosse il mondo è narrato mediante la storia di Sergio Jadue, il presidente di un piccolo club calcistico cileno che divenne il personaggio cruciale di un complotto del noto della Football Association argentina, il signor Julio Grondona.

Jadue è impersonato Andrés Parra, già interprete di figure importanti come Pablo Escobar e Hugo Chavez. Accanto a lui Paulina Gaitan, la moglie, e Karla Souza, messicana (che abbiamo visto ne «Le regole del delitto perfetto»).

La regia e la sceneggiatura di «El Presidente» sono state affidate all’argentino Armando Bo, premio Oscar per «Birdman», che è anche produttore esecutivo della serie insieme a Gaumont e Fabula).

La trama

Sergio Jadue, da piccolo presidente di una piccola squadra di calcio urbana in Cile, si ritrova a capo dell’associazione calcistica cilena. Ebbro di potere, diventa il protetto del padrino del calcio Julio Grondona. Ma quando sarà colto in flagrante sarà l’elemento chiave che l’FBI userà per distruggere il più grande progetto di corruzione nel mondo del calcio e mettere in carcere i presidenti delle federazioni calcistiche sudamericane.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009