Jack White canta un inedito di Hank Williams: ascolta gratuitamente

Di , scritto il 04 Ottobre 2011

Jack White_Hank WilliamsProprio oggi esce The Lost Notebooks of Hank Williams per conto della etichetta di Bob Dylan, la Egyptian Records e Rolling Stone rilascia in esclusiva l’ascolto in streaming di una delle canzoni contenute nel disco.

Si tratta di un progetto molto interessante, partito inizialmente come una compilation di canzoni che avrebbe interpretato il solo Dylan e in seguito cresciuto fino a diventare una antologia di vari autori i cui nomi potete leggere qui sotto nella tracklist.

Tutto ha origine da una valigia di Hank Williams, morto a 29 anni nel 1953, nella quale sono stati trovati appunti e testi per alcune canzoni inedite che questi artisti, fra cui spiccano ovviamente alcuni grandissimi interpreti country, hanno poi trasformato in composizioni vere e proprie basandosi sulle indicazioni dell’indimenticabile Hank Williams.

Uno degli “episodi” più riusciti è quello che vede Jack White (White Stripes, Raconteurs…) cimentarsi con You Know That I Know e mostrare non solo il suo talento artistico ma tutta la sua grande passione e vena filologica che lo ha accompagnato fin dagli esordi.

La canzone può essere ascoltata in streaming QUI, eccovi ora la tracklist dell’album:

Alan Jackson “You’ve Been Lonesome, Too”
Bob Dylan “The Love That Faded”
Norah Jones “How Many Times Have You Broken My Heart?”
Jack White “You Know That I Know”
Lucinda Williams “I’m So Happy I Found You”
Vince Gill and Rodney Crowell “I Hope You Shed a Million Tears”
Patty Loveless “You’re Through Fooling Me”
Levon Helm “You’ll Never Again Be Mine”
Holly Williams “Blue Is My Heart”
Jakob Dylan “Oh, Mama, Come Home”
Sheryl Crow “Angel Mine”
Merle Haggard “The Sermon on the Mount”


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009