PJ Harvey vince il Mercury Prize

Di , scritto il 07 Settembre 2011

PJ Harvey_Mercury PrizeUna PJ Harvey in splendida forma ha ritirato ieri l’ambito Mercury Prize in una cerimonia tenutasi al Grosvenor Hotel a Londra. PJ Harvey ha battuto una agguerrita concorrenza e si porta a casa quello che da molti è considerato uno dei migliori premi annuali.

La cantante ha tenuto un breve discorso, ringraziando la sua casa discografica e chiunque l’abbia aiutata a realizzare il suo album, quel Let England Shake che è stato già salutato da molti siti e riviste di musica come uno dei lavori più interessanti degli ultimi mesi.

Il Mercury Prize è un premio che viene assegnato annualmente al miglior disco di artisti britannici o irlandesi. Istituito nel 1992 dalla British Phonographic Industry e dalla British Association of Record Dealers (l’associazione britannica dei rivenditori di dischi) viene visto come un premio “serio”, attento alla qualità e non solo alla fama e ai giochi di potere delle label, come invece accade per fenomeni quali i Brit Awards o le premiazioni MTV.

PJ Harvey, che vediamo nella foto in un aggressivo vestitino punk con tanto di stivali Pataugas alti fino al ginocchio, aveva già vinto il trofeo nel 2001 e in questa occasione ha battuto la concorrenza di queste altre nomination:

Anna Calvi – ‘Anna Calvi’
Elbow – ‘Build A Rocket Boys!’
James Blake – ‘James Blake’
Katy B – ‘On A Mission’
Metronomy – ‘The English Riviera’
Tinie Tempah – ‘Disc-Overy’
Gwilym Simcock – ‘Good Days At Schloss Elmau’
Everything Everything – ‘Man Alive’
Ghostpoet – ‘Peanut Butter Blues & Melancholy Jam’
King Creosote & Jon Hopkins – ‘Diamond Mine’
Adele – ’21’

Eccovi una clip dal suo disco appena premiato:


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009