Tutti in attesa di The Gilded Age, la serie erede di Downton Abbey

Di , scritto il 09 Dicembre 2021

Ha già mandato in visibilio gli appassionati del genere Downton Abbey il primo trailer di The Gilded Age, una nuova serie in 9 episodi prodotta da HBO. Anche questa volta si tratterà di un’opera in costume, ambientata però non in Inghilterra ma sulla società americana dorata dell’ultimo ventennio dell’Ottocento – l’epoca in cui la vecchia aristocrazia, che regnava indiscussa prima della Rivoluzione americana, inizia a sentire prepotente la minaccia dei nuovi ricchi borghesi. Del resto, nel periodo della presidenza di Ulysses S. Grant e William McKinley, i neonati Stati Uniti testimoniarono il sorgere di un’era di enorme sviluppo economico, che inevitabilmente portò con sé i contrasti fra vecchi e nuovi modi di vivere e di pensare.

Per quanto riguarda la trama, la storia parte nel 1882, quando la giovane Marian Brook (impersonata da Louisa Jacobson, la figlia di Meryl Streep) dopo la morte del padre si trasferisce da una zona rurale a New York City per vivere con le anziane e abbienti zie, Agnes van Rhijn (Christine Baranski) e Ada Brook (Cynthia Nixon). Qui si ritroverà immersa in una guerra sociale senza esclusione di colpi. La zia Agnes difende il vecchio sistema, le si oppongono i vicini di casa, diventati ricchi sfondati grazie alla fiorente industria ferroviaria, George e Bertha Russell (Morgan Spector e Carrie Coon). Questi sono un vero e proprio simbolo delle nuove famiglie ricche che hanno messo sottosopra la società di Manhattan e metteranno alla prova la lealtà di Marian.

La serie arriverà il 25 gennaio negli Stati Uniti su HBO e su Sky Atlantic nel Regno Unito.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009