Sean Penn riconquista Robin Wright: divorzio annullato

Di , scritto il 11 Aprile 2008

Sean Penn e moglieMagari avete avuto anche voi problemi di questo tipo, non so, ecco, qualcosa come andare in albergo con vostra moglie, lasciarla sola e in lacrime nella stanza e andarvi a spupazzare in contemporanea due modelle russe che non hanno nemmeno la metà degli anni della vostra dolce mogliettina.

Lo so, son problemi che molti di noi vorrebbero avere. Sono i problemi che Sean Penn ha avuto lo scorso dicembre quando sua moglie Robin Wright lo ha appunto beccato con due ragazzine e una bottiglia di vodka. Lui ha provato a dirle “Cara, aspetta, non è come sembra!” ma era troppo ubriaco e ha biascicato qualcosa d’incomprensibile prima di tornare a letto con le russe.

La moglie dopo ha persino voluto il divorzio, ma vi rendete conto? Per così poco? Fatto sta che come ogni bella favola piena di magia hollywoodiana anche questa disavventura coniugale è finita nel migliore dei modi e i due ora stanno di nuovo insieme e hanno annullato la richiesta di divorzio.

Volete saper come ha fatto Sean Penn a convincere sua moglie a tornare dopo che, oltre alle modelle russe, lui  in questi mesi aveva frequentato anche Sienna Miller e Petra Nemcova? Ok, ve lo rivelo giusto nel caso vi ritroviate con i suoi stessi problemi, non si sa mai.

Sean ha invitato la moglie a un concerto, poi è salito sul palco e le ha dedicato una canzone. Robin è scoppiata (di nuovo, è abbonata) in lacrime ed è tornata buona buona dal marito. Semplice no? Quindi tutti tranquilli, dai, e portiamoci sempre dietro un cd o un lettore mp3: se la vostra ragazza vi beccherà insieme ad altre basterà dedicarle una canzone a caso e il gioco è fatto!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009