Agyness Deyn e le sue Dr Martens

Di , scritto il 11 Aprile 2012

Agyness_Deyn_Dr-MartensDifficile pensare a un volto più azzeccato per rilanciare alla grande un marchio prestigioso come le Dr Martens. Le notissime calzature inglesi potranno infatti contare sull’apporto di Agyness Deyn che disegnerà e indosserà una capsule collection dei famosi anfibi.

Amati incondizionatamente da generazioni di punk, skinhead, metallari e da moltissimi altri gruppi delle varie sottoculture, i Dr Martens sono un simbolo che ben si adatta all’estetica e alla storia di Agyness Deyn, che con il suo particolare taglio di capelli corto e aggressivo e una storia di collaborazioni con stilisti quali Vivienne Westwood è ben più adatta di altre modelle a diventare testimonial di questo marchio, tenendo conto che ha al suo attivo anche una carriera musicale prima con i Lucky Knitwear e quindi con i Gene Jacket.

Si tratta dell’ennesima conferma di un momento di ottima forma per Dr Martens, che dal 2007 è in continua ascesa fra la riapertura di un centro di produzione in madrepatria e la moltiplicazione delle linee, da quella vintage ai desert boots fino alla particolare collaborazione con Swarovski per la realizzazione del modello con cristalli incastonati.

La collaborazione fra Agyness Deyn e Dr Martens è il culmine di una lunga passione visto che la modella ha sempre dichiarato di amare queste calzature, di indossarle fin da quando aveva 13 anni ed è stata fotografata in tantissime occasioni mentre le portava anche al di fuori di qualsiasi tipo di contratto.
E in effetti chi indossa le Dr. Martens rimane molto fedele nel tempo a questo tipo di stivali: fra i nostri lettori c’è qualcuno che indossa abitualmente gli anfibi?


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009