Bobo Vieri e Nabila Chihab: la storia continua!

Di , scritto il 13 Novembre 2012

Continua, sotto il caldo sole di Miami, la storia tra l’ex calciatore Bobo Vieri (39 anni) e la pallavolista di origini marocchine, Nabila Chihab (28). Conosciutisi alla fine di questa estate nella località più vippaiola delle Baleari, Formentera – i due non si sono più lasciati, dando uno smacco ai più maligni che già etichettavano la ragazza come ennesima meteora. Non che tre mesi di frequentazione siano la conferma di una solida storia d’amore, ma almeno pongono le prime fondamenta. Noi non vogliamo allinearci con i soliti pettegolezzi di infima qualità, ma guardare i due con un occhio più sdolcinato, pensando a un Vieri più disposto alla monogamia. Il parterre di conquiste di “Mister 90 miliardi”, è sempre stato ricco di personalità femminili con una costante: la bellissima presenza. E se lui ha sempre asserito che l’unico vero amore è stato quello per l’ex velina sarda Elisabetta Canalis (34), Melissa Satta (26) a parte, tutte le altre sono state solo le classiche “amiche speciali” di cui Bobo ama circondarsi.

Secondo gli amici, con la Chihab, il ragazzo farebbe sul serio, chiedendogli di appendere al chiodo la rubrica delle amichette. Nella location glamour di Miami, la coppia si rilassa tra cocktail e giochi facendo emergere una certa complicità. L’ex calciatore sornione si gode le splendide forme della fidanzata Nabila e tra una risata e l’altra, godereccio si compiace per la sua ottima scelta. Lusso, bella vita e vacanze in ogni momento dell’anno circondano la vita di Vieri; che certo non si può dire che sia un adone, ma evidentemente ha sfoderato le carte giuste per far breccia nel cuore della bella marocchina.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009