Report: lo storico programma di Raitre torna in onda

Di , scritto il 14 Aprile 2021
Report

Da lunedì 12 aprile è tornato in onda Report in prima serata su Raitre. La scorsa edizione aveva registrato un boom di ascolti (punte di oltre 3 milioni di telespettatori) e il conduttore, Sigfrido Ranucci, in una recente intervista a Sorrisi e Canzoni ha spiegato il perché. Mettere il dito nelle piaghe della società è la missione del nostro programma, afferma, infatti è sempre più difficile trovare persone disposte a parlarci. Report è infatti una trasmissione nota a tutti per le sue inchieste scottanti.

Ranucci continua e spiega come il merito del successo sia dovuto al nuovo linguaggio che utilizzano e una maggiore attenzione all’attualità senza rinunciare all’approfondimento. Molte puntate di questa nuova edizione si occuperanno ancora della pandemia e in particolare delle varianti del virus che potrebbero inficiare l’efficacia dei vaccini. Inoltre, spiega Ranucci, avremo un’inchiesta con documenti e testimonianze inedite su chi vuole mettere le mani sulla cassaforte del Vaticano.

Alla domanda “Non ha mai paura di ritorsioni?” il conduttore si è mostrato sicuro: “Avere un po’ di paura è un bene perché tuteli te stesso e chi ti sta vicino. D’altra parte se conosci la verità la gente ha il diritto di saperla”. Approfondisce poi, spiegando come, secondo lui, la tenacia l’ha ereditata dai suoi familiari. Suo padre era nella Guardia di finanza e suo nonno, negli anni del fascismo, fu fermato dagli squadristi. Sono stati in particolare loro due a insegnargli ad affrontare tutti a testa alta. Ranucci conclude l’intervista con una dichiarazione: la sua più che tenacia è sfrontatezza!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009