Ligabue il cantante più seguito su Facebook. E voi, chi seguite?

Di , scritto il 15 Settembre 2009

Luciano Ligabue facebookCon più di 500.000 amici su Facebook, Luciano Ligabue è in assoluto l’artista più seguito sul famosissimo social network e ha addirittura più fan elettronici di molti artisti stranieri.

La notizia, emersa qualche tempo fa in Rete, ci ha piacevolmente sorpresi perché pur amando il grande rocker emiliano, non pensavamo che fosse in assoluto il più seguito anche online. Si tratta dell’ennesima conferma di quanto Ligabue sappia operare a 360 gradi, occupandosi sia di musica in studio e live che di cinema, radio, fumetti, libri e ora anche internet.

Periodo di ottima forma quindi, se tenete conto che il Liga è stato anche membro della giuria dell’ultimo Festival del Cinema di Venezia e che lo attendono ben dieci concerti da tutto esaurito all’Arena di Verona.

Uno dei motivi per cui il suo profilo Facebook è così seguito, pensiamo, è da ricercarsi anche nel fatto che viene mantenuto costantemente aggiornato e vi si possono trovare molte notizie e anticipazioni di vario genere, cosa che non succede sempre con le pagine di altri artisti, che sembrano averle compilate in fretta e furia e poi lasciate lì, giusto perché ormai bisogna avere anche un profilo Facebook, un sito o una pagina My Space.

Tutto ciò ci ha fatto nascere la curiosità di sapere quali sono gli artisti che voi lettori di solospettacolo seguite su Facebook. Quali i profili più interessati e meglio aggiornati? Quali invece le pagine personali che tutto sommato vi hanno un tantino deluso anche se amate il cantante o il gruppo in questione?

1 commento su “Ligabue il cantante più seguito su Facebook. E voi, chi seguite?”

Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009