Belen: basta un mese per tornare in forma

Di , scritto il 16 Maggio 2013

Belen-Rodriguez_PalestraCi credereste, a guardare la foto, che questa donna ha partorito appena un mese fa?
Eppure è così: Belen Rodriguez è già tornata in palestra e i chili in più sono scomparsi magicamente, a conferma di un fisico e una genetica invidiabili.

Ovviamente i giornalisti sono subito andati a nozze con uno scatto come questo, cominciando la solita tiritera gossippara a colpi di “Belen madre indegna che preferisce andare in palestra piuttosto che accudire il figlio”.
Crediamo non ci sia nemmeno bisogno di rispondere seriamente a critiche come questa, chiunque dotato di un minimo di intelligenza capirà bene che un po’ di palestra al giorno non significa certo abbandonare la propria prole, anche se con titoli simili si vendono ovviamente meglio le notizie.

Forse ci può rendere un po’ più perplessi questa continua sovraesposizione mediatica, questa onnipresenza in Rete, e ne avevamo già parlato, ma è ben altra questione rispetto all’accusare Belen di essere una madre che non si occupa del figlio e non c’è nulla di male nel voler tornare in forma nel più breve tempo possibile.

Anche perché per Belen la forma fisica, oltre a essere importante dal punto di vista personale serve anche per lavorare, motivo per cui diventa ancora più necessario starci attenta con ogni mezzo possibile.
Quindi complimenti, Belen, non dar retta agli invidiosi e goditi la palestra!


2 commenti su “Belen: basta un mese per tornare in forma”
  1. […] Continua var addthis_config = {"data_track_clickback":true}; CATEGORIA » Spettacolo &nbsp&nbsp&nbspVisite: 0 […]

  2. […] Ovviamente i giornalisti sono subito andati a nozze …read more […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009