Neffa sogna contromano e si sfoga contro il mondo dello spettacolo

Di , scritto il 18 Giugno 2009

NeffaPassano i mesi e crescono gli sfoghi e gli attacchi, da parte di cantanti e cantautori, contro il cambiamento del mondo dello spettacolo, che sembra basarsi sempre di più sulle apparizioni televisive e programmi quali Amici o X-Factor.

Questa volta tocca a Neffa lanciare la sua personale lamentela e il cantante di Scafati si sfoga in occasione della promozione del suo nuovo disco, Sognando contromano, che sarà in tutti i negozi di musica a partire da domani, 19 giugno.

La carriera di Neffa è sempre stata all’insegna del mutamento, dagli inizi con gruppi di hardcore punk (chi si ricorda dei grandiosi Negazione?) fino alla svolta hip hop (Isola Posse All Star e quindi Sangue Misto) per chiudere infine con l’enorme successo del suo primo singolo pop, La mia signorina.

Fra piazzamenti al Festival di Sanremo, vittorie al Festivalbar, produzioni e collaborazioni prestigiose con artisti (Celentano) e registi (Ozpetek) di sicuro Neffa ha tutti i numeri e titoli per poter parlare con cognizione di causa del mondo dello spettacolo.

A sentire Neffa lo showbiz ormai soffoca e penalizza sempre di più l’onestà creativa e non possiamo far altro che aggiungere le sue parole a quella di tanti altri artisti, chiedendoci se ci sia qualcosa di vero o non sia un modo come un altro per lamentarsi del fatto che i riflettori si sono ormai spostati verso altri artisti e situazioni.

Ve lo abbiamo chiesto altre volte ma lo ripetiamo: voi cosa ne pensate? C’è davvero minore creatività per colpa di queste trasmissioni o si tratta semplicemente di un cambiamento dei modi per arrivare al successo?



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009