Home » Gaslit: la nuova serie sul Watergate con Julia Roberts e Sean Penn

Gaslit: la nuova serie sul Watergate con Julia Roberts e Sean Penn

Cominciamo spiegando il titolo: gaslit significa “manipolato psicologicamente – con informazioni false o distorte che portano a dubitare della propria salute mentale”. Questa nuova serie tv è un adattamento di un podcast su Starzplay che ha riscosso grande successo, intitolato proprio Slow Burn, Gaslit. Più avanti capiremo chi ha subito questo gaslighting.

La trama è incentrata sul Watergate, uno scandalo politico sorto negli USA nel 1972 dopo la scoperta di intercettazioni illegali effettuate da uomini legati al Partito Repubblicano nella sede generale del Comitato nazionale democratico. Una vicenda che finì per portare alle dimissioni del presidente Richard Nixon.

Centrale nella trama è la figura di Martha Mitchell, consorte del Procuratore Generale degli Stati Uniti nel Governo di Richard Nixon. Una donna dal carattere forte, che concedeva fin troppe interviste, talvolta capace di contraddire il Presidente stesso causando grande imbarazzo nel marito disappunto nel Partito. Fu lei a dare la prima informazione da cui partì lo scandalo.

La serie narra le vicende del Watergate incentrandosi proprio su Martha e il marito, interpretati rispettivamente da Julia Roberts e Sean Penn (come si può intuire dalla foto, quest’ultimo ha un trucco che lo rende quasi impossibile da riconoscere). In Gaslit abbiamo anche una sorta di black comedy, che mette in luce l’incompetenza della squadra di coloro che avrebbero dovuto entrare in gran segreto nel quartier generale del Partito Democratico per mettervi delle microspie, e invece riuscì solo a innescare una reazione a catena che si ritorse contro il Presidente stesso. Particolarmente divertente la figura del maschilista G. Gordon Liddy, interpretato dal bravissimo Shea Whigham. Per il resto però si tratta di una storia drammatica, in cui la protagonista è Martha. La signora venne infatti sequestrata e presa in ostaggio dalle sue guardie del corpo, che le iniettarono un tranquillante per evitare che rivelasse qualcosa ai giornalisti. Nessuno però in seguito le credette, con gravi conseguenze per la sua salute mentale.

A nostro avviso la serie è destinata a ottenere grande successo, grazie all’ottima ricostruzione storica, a una regia sobria e raffinata e al cast di livello eccelso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.