Hotel Portofino: su SKY una serie ambientata nella Liguria degli anni ’20

Di , scritto il 24 Febbraio 2022

Riviera ligure di levante, 1926. Bella Ainsworth è la gestrice di un hotel di lusso per turisti anglofoni nella splendida Portofino. La sua famiglia è composta dal marito Cecil (pigro e dedico al gioco), dalla figlia Alice (gran lavoratrice nell’albero) e dal figlio Lucian (reduce dalla I Guerra Mondiale, aspirante pittore e che il padre vuole far sposare con un’ereditiera di sua conoscenza). Intorno a loro sfilano e interagiscono vari personaggi: una vedova linguacciuta ospite dell’hotel con la nipote, un nobile romano e suo figlio, una ballerina americana con un eccentrico fidanzato, un famoso tennista con la consorte, e poi la figlia di Alice e la sua babysitter, la cuoca con un figlio ribelle, la cameriera. Tutto questo nella cornice storica del fascismo in ascesa.

Lo stile della serie è un po’ una via di mezzo tra quello di Downton Abbey (per la presenza di alta borghesia e servitù) e alcuni dei più famosi film diretti da James Ivory (Camera con vista, Casa Howard). Le location sono sono a dir poco sontuose e i costumi raffinati, gli atteggiamenti dei personaggi alquanto snob e formali. I temi che emergono sono gli affari di famiglia, le passioni, la sorellanza, la violenza domestica, i ricatti e i tradimenti, ma anche segreti e un po’ di mistero alla Agatha Christie.

Il nuovo period drama, in arrivo su Sky Serie e NOW il 28 febbraio 2022, è stato girato fra Portofino e la Croazia, nel cast prevalgono gli attori britannici (Natasha McElhone, Anna Chancellor, Mark Umbers) con qualche validissimo contributo italiano (Daniele Pecci, Rocco Fasano, Lorenzo Richelmy).


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009