La tv si spartisce risate e tragedie: tra Sanremo e Gravina

Di , scritto il 26 Febbraio 2008

La tv si spartisce risa e tragedieLa tv si rovescia su se stessa. Una medaglia. Testa e(!) croce.

E’ ciò che è accaduto ieri sera quando su RaiUno cominciava il festival di Sanremo e su RaiTre Chi l’ha visto” seguiva il ritrovamento dei due fratellini di Gravina in Puglia, scomparsi nel 2006.

Apriva il festival l’eterno bambino Gianni Morandi cantando “Volare” di Modugno; si chiudeva “Chi l’ha visto” con le forze dell’ordine e i vigili del fuoco che avevano cominciato a recuperare quei bambini che non potranno mai raggiungere l’età di Gianni Morandi.

Da una parte Chiambretti si dilettava in battute e gag sui politici, italiani e non, dall’altra si cominciavano a (ri)battere le piste delle indagini per risalire alle cause che hanno potuto provocare la morte dei due fratellini, gettati o caduti nel pozzo di 25 metri, nel centro della cittadina pugliese.

Era l’81 quando la tv aveva seguito in diretta quella che sarebbe diventata la tragedia di Vermicino: un bambino precipitato in un pozzo la cui vita non era stato possibile salvare e la cui scomparsa era stata testimoniata da una tv che volle rimanere presente sino alla fine.

Comico e drammatico si fondono in un’unica tv e lasciano allo spettatore la scelta dello spettacolo cui si vuole assistere. La suspence della barzelletta sanremese, che per bocca di Chiambretti arriva a chiudersi in battute, è la stessa dello svelamento dei corpi privi di vita a Gravina e dell’attesa di confermare che si tratti proprio di Ciccio e Tore.

Lo spettatore allenta la tensione e questa scivola da una parte nella risata, dall’altra nell’amara consapevolezza. L’importante – come direbbe un comico – è chiudere. 


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009