I Fall Out Boy sequestrati e torturati in The Phoenix

Di , scritto il 26 Marzo 2013

fall-out-boy_Phoenix_Save-Rock-RollOra che i Fall Out Boy sono tornati insieme sembrano darsi molto da fare in vista dell’imminente nuovo album Save Rock And Roll e paiono intenzionati a rilasciare molti video in sequenza fino all’arrivo, in aprile, del lavoro completo.
E i video sono anche collegati fra loro, andando a formare un vasto affresco narrativo composto da undici filmati.

In questo The Phoenix vengono raccontati fatti precedenti a quelli mostrati in My Songs Know What You Did In The Dark (Light Em Up) e l’inizio con la valigetta cita esplicitamente Quentin Tarantino, per poi inoltrarsi in territori fra il sexy e il torture con delle amabili pulzelle che intrappolano Patrick Stump e procedono quindi a “torturarlo” anche se, a ben pensare, è Pete Wentz che subisce la sorte peggiore.

Di particolare efficacia il coro:

So we can take the world back from a heart attack
One maniac at a time we will take it back
You know time crawls on when you’re waiting for the song to start
So dance along to the beat of your heart

Il brano ci sembra possedere una marcia in più rispetto a quanto ascoltato un mese fa ed è evidente lo sforzo produttivo dietro il ritorno di questa band e scopriremo ben presto la verità dietro le sbandierate con Courtney Love ed Elton John.

Eccovi il video e… Bentornati, Fall Out Boy!

2 commenti su “I Fall Out Boy sequestrati e torturati in The Phoenix”
  1. […] lasciato i Fall Out Boy in primavera, mentre erano in piena promozione del nuovo album, fra una serie di video collegati fra loro e […]

  2. […] Continua var addthis_config = {"data_track_clickback":true}; CATEGORIA » Spettacolo &nbsp&nbsp&nbspVisite: 7 […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009