Hanno ucciso (di nuovo) l’uomo ragno

Di , scritto il 26 Maggio 2012

A vent’anni di distanza dall’uscita del disco che lo rese famoso insieme a Mauro Repetto (altro componente degli 883), Max Pezzali torna a riproporci il suo primo grande successo.

Si festeggia quest’anno, infatti, il compleanno di una canzone che gran parte di voi sicuramente ricorderà, Hanno ucciso l’Uomo Ragno torna infatti in una veste rinnovata per mostrarsi al passo con i tempi.

Max ce la ripropone nel suo nuovo album che uscirà il prossimo 12 giugno e che si chiamerà, appunto, Hanno ucciso l’Uomo Ragno 2012 e che conterrà il famosissimo brano in versione rap.

Per dare vita a questo nuovo lavoro, infatti, Pezzali si è circondato di molti esponenti della scena rap italiana partendo da J-Ax che lo affianca in Sempre Noi, singolo apripista del disco, fino a Ensi, Club Dogo e molti altri.

L’album è stato prodotto da Pierpaolo Peroni e Claudio Cecchetto che ne parla gonfio d’orgoglio: “Che emozione dopo venti anni risentire per intero il primo album di Max Pezzali. Un’emozione resa più straordinaria dalla partecipazione dei rapper più famosi d’Italia che hanno voluto aggiungersi ai successi contenuti in questo storico album degli 883. Hanno “inciso” l’Uomo Ragno J-Ax, Entics, Ensi, Two Fingerz, Emis Killa, Dargen D’Amico, Club Dogo, Fedez e Baby K. Con loro tutto è ritornato di estrema attualità. Dopo 20 anni le canzoni hanno mantenuto la freschezza originale, riaggiornate dai più grandi protagonisti della scena Rap italiana per creare il nuovo album che festeggia il ventennale del debutto di Max Pezzali. Lo sto ascoltando in questo momento e ancora una volta penso che essere stato il talent-scout di Max Pezzali non è un merito… è un onore!”


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009