Un libro scandalo per Rihanna

Di , scritto il 28 Gennaio 2011

Quando si diventa una star di fama mondiale, questi piccoli incidenti diventano il pane quotidiano.

Lo sa bene Rihanna, che dal momento in cui è diventata una delle cantanti più amate del panorama musicale internazionale, oltre ad essere conosciuta per la sua musica, ha visto il suo bel faccino parecchie volte sui giornali per ben altre questioni.

Tanto per citare la notizia che ha fatto più scalpore, come dimenticare la faccia tumefatta della pop star dopo il litigio con il suo ex fidanzato Chris Brown? Impossibile. In compenso questo “piccolo incidente” ha fatto dimenticare molto velocemente la carriera di quest’ultimo.

In questi giorni, invece, la cantante delle Barbados deve combattere con un’altra ondata di gossip.

Una certa Tajah Burton sostiene infatti di avere avuto una relazione con la cantante e che non sarebbe stata la prima relazione lesbica che l’artista avrebbe avuto. Questa sconosciuta modella americana pubblicherà presto un libro in cui racconta i particolari di questa presunta storia dal titolo Low Down Dirty Shame.

Non è una novità, spesso ai cantanti piace giocare con la propria sessualità per rendersi più interessanti, intriganti o misteriosi. Rihanna non è di certo un’eccezione, nel video di Te Amo si è lasciata andare a varie effusioni con Laetitia Casta.

Questo però sembra più un mero tentativo di trovare pubblicità facile tramite la popolarità di qualcun altro, come succede continuamente. Qualora questo libro raccontasse invece la verità, quale sarebbe il problema? Non è di certo una storia saffica che ci dovrebbe sconvolgere nel 2011.

Non ci resta che aspettare la conferma o la smentita della diretta interessata.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009