Only Murders in the Building: è iniziata la seconda stagione

Di , scritto il 29 Giugno 2022

Only Murders in the Building è l’apprezzata serie televisiva statunitense appartenente al genere mystery comedy ideata da Steve Martin e John Hoffman, con protagonisti lo stesso Steve Martin, insieme a Martin Short e Selena Gomez. Il primo è Charles, un attore sul viale del tramonto, il secondo, Oliver, un produttore che disagi economici e la terza, Mabel, è una ragazza alquanto misteriosa. Dopo la prima stagione costituita da 10 episodi, si bissa: sempre sulla piattaforma Disney+, a partire dal 28 giugno 2022.

Siamo ancora a New York, nel quartiere hipster dell’Upper West Side a Manhattan, con i nostri tre inquilini di uno stesso palazzo che indagano insieme su un omicidio registrando tutta la documentazione su un podcast, scoprendo tanti segreti relativi a eventi passati. I tre protagonisti sono sostanzialmente persone infelici e sole, che con la narrazione via podcast trovano una connessione.

Anche la seconda stagione promette di essere al tempo stesso innovativa e capace di rivisitare canoni e stili già visti (Woody Allen in primis, arguto e compassato): insomma, si tratta di una serie che continuerà a piacere al pubblico più esigente, con una trama avvincente, un’interessante analisi psicologica dei protagonisti..

Le vicende ripartono nel punto dove erano finite: dopo le indagini sulla morte del loro vicino Tim Kono e l’arresto dell’assassina, la fagottista Jan (impersonata da Amy Ryan), muore l’anziana amministratrice del palazzo, la signora Bunny (alias Jayne Houdsyshell), proprio tra le braccia di Mabel. Manco a dirlo, lo stano trio è ovviamente subito accusato del suo omicidio.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009