L’amore ai tempi del corona: la miniserie sulla pandemia

Di , scritto il 31 Marzo 2021
L'amore ai tempi del corona

È disponibile dal 26 marzo, su Disney+ (nella sezione “Star”) la miniserie americana, L’amore ai tempi del corona che riflette sulla pandemia globale odierna. Se la situazione di emergenza è tutt’altro che finita, il mondo della cultura e dell’arte ha già iniziato a creare opere che riflettono su questo periodo che, nel bene e nel male, ricorderemo per sempre.

Il titolo, L’amore ai tempi del corona, cita un celebre libro di Gabriel García Márquez “L’amore ai tempi del colera”. Quattro episodi che raccontano altrettante storie intrecciate tra loro, ambientate in situazioni di “ordinaria quotidianità”, in cui ognuno di noi si può riconoscere. La caratteristica di queste puntate è di porre al centro i sentimenti (non senza ironia) per mostrare come vengono affrontati in una situazione difficile come quella di oggi.   

I quattro racconti seguono le vite di persone che cercano “amore, sesso e connessione” durante la pandemia mentre si allontanano dalla vita sociale:

  • L’amicizia tra Oscar e Elle diventa sempre più complicata;
  • James e Sade sono separati ma obbligati a tornare a vivere sotto lo stesso tetto dopo la perdita del lavoro del ragazzo;
  • Quando Sophie è costretta a rientrare dal college, Paul e Sarah, i genitori, fingeranno di essere una coppia felice per amore della figlia, anche se a sua insaputa si sono separati;
  • Nanda e suo marito, ricoverato in una struttura di riabilitazione, sono fermamente decisi a celebrare il loro cinquantesimo anniversario di matrimonio.

Una piccola curiosità: l’ideatrice e regista della serie è Joanna Johnson, nota per il ruolo di Caroline Spencer in “Beautiful”.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009