Home » Alessia Marcuzzi e il terrificante incidente: è bastato un attimo

Alessia Marcuzzi e il terrificante incidente: è bastato un attimo

La bella conduttrice ha vissuto momenti di panico a causa di un terribile incidente che poteva costarle la vita. Il racconto di quegli attimi di terrore.

Non capita tutti i giorni di vedere una famiglia allargata passare del tempo assieme tutti felici, ma a quanto pare qualcuno riesce. La famiglia Facchinetti, ad esempio. Francesco Facchinetti e la sua ex compagna Alessia Marcuzzi spesso si vedono con i rispettivi partner e la figlia avuta assieme, Mia.

alessia-marcuzzi-tragedia-solospettacolo
Alessia Marcuzzi- Solo Spettacolo

In una di queste occasioni, durante una vacanza questa estate appena passata, tutto il clan si è riunito per trascorrere alcuni giorni di vacanza assieme, Francesco con la consorte Wilma Faissol, e Alessia con il marito Paolo Calabresi, il primo figlio Tommaso Inzaghi e Mia; quando ecco che si è sfiorata la tragedia.

Alessia Marcuzzi: tragedia sfiorata

A raccontare ciò che è successo è stata la stessa frizzante conduttrice sul suo profilo Instagram, dove ha rivissuto quegli attimi concitati: “Eravamo in un ristorante a Londra e mentre stavo mangiando, un pezzo di polipo mi si è bloccato nella trachea. Non riuscivo più a respirare, mi sono alzata e ho cominciato a strabuzzare gli occhi e a chiedere aiuto. Paolo e Tommy hanno provato a liberarmi dandomi dei colpi sulla schiena, ma nulla”.

Inizia così il racconto, che prosegue: “Panico. Ho pensato davvero di morire, non riuscivo più a capire nulla, quando Wilma mi ha preso da dietro e mi ha stretto forte, dandomi un colpo forte sullo sterno verso l’alto. All’improvviso ho sputato quel grosso pezzo che mi bloccava la respirazione e che era rimasto completamente intatto, e ho ripreso a deglutire. Tutto questo nel giro di due minuti davanti a tutte le persone del ristorante che non capivano che cosa stesse succedendo ”. 

Una vera fortuna che non solo Wilma conoscesse la famosa manovra di Heimlich, che è utile proprio per liberare le vie respiratorie ostruite da un corpo estraneo, ma che abbia avuto il sangue freddo per eseguirla nella maniera giusta.

“Mi hai salvato la vita”

Per questo motivo la Marcuzzi chiude il suo racconto con tanti ringraziamenti alla donna che le ha salvato la vita: “Mi sono girata, l’ho abbracciata fortissimo e le ho detto commossa ‘Mi hai salvato la vita. Non lo dimenticherò mai’. E’ vero, Non lo dimenticherò  mai Wilma. In pochi minuti, o forse secondi, sono passata da uno stato di sofferenza estrema ad una liberazione totale e ho realizzato che poteva andare a finire davvero molto male”.

Alessia e Wilma-Solospettacolo
Alessia e Wilma-Solo Spettacolo

Parole riprese da Francesco che ha sottolineato sul suo profilo: “Oggi più che mai credo al destino. Eravamo in sette attorno a un tavolo rotondo e Wilma che era seduta lì di fianco a lei sapeva fare la manovra di disostruzione. In pochi secondo poteva finire tutto, provate a trattenere il respiro per un minuto e guardate cosa succede. Fortunatamente è finita bene. Brava amore, ti amo tanto”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.