Lostprophets, una fine annunciata

Di , scritto il 04 Ottobre 2013

LostprophetsSono passati parecchi mesi da quel momento d’incubo in cui Ian Watkins è stato arrestato ma alla fine il peso della situazione è diventato evidentemente insopportabile per i Lostprophets che hanno annunciato, qualche giorno fa, la fine del gruppo.

Era il 19 dicembre del 2012 e Watkins veniva arrestato per crimini pedopornografici fra i quali possesso di materiale fotografico e lo stupro di un bambino, con un totale di 23 capi di accusa con i quali si dovrà confrontare nel corso del processo previsto a novembre.

La band non ha però voluto aspettare il termine del processo, nonostante il loro leader continui a dichiararsi innocente, e la pressione di questi mesi ha infine portato a decidere lo scioglimento, annunciato su Facebook con queste parole:

“After nearly a year of coming to terms with our heartache, we finally feel ready to announce publicly what we have thought privately for some time. We can no longer continue making or performing music as Lostprophets. Your love and support over the past 15 years has been tremendous, and we’ll be forever grateful for all you’ve given us. As we look forward to the next phase of our lives, we can only hope to be surrounded by people as devoted and inspiring as you guys have been.”

E in effetti sono passati ben 15 anni dalla nascita dei Lostprophets e rimangono cinque album a ricordarceli:

2001 – Thefakesoundofprogress
2004 – Start Something
2006 – Liberation Transmission
2010 – The Betrayed
2012 – Weapons

Tanti auguri ai vari membri per un proseguimento di carriera in altre band e future realtà musicali. Conoscete i Lostprophets? Vi piacciono? Che ricordi avete di questa band?


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009