Ufficiale: Robbie Williams torna nei Take That. Chi ci guadagnerà?

Di , scritto il 16 Luglio 2010

Ora l’annuncio è ufficiale e sul sito dei Take That è apparsa anche la foto che potete vedere qui a fianco: Robbie Williams si riunirà alla band che aveva lasciato nel 1995 e ci starà per almeno un anno.
L’obbiettivo dichiarato è quello di riuscire a produrre un album entro novembre e partecipare anche al seguente tour.

La reunion era nell’aria già da tempo e Williams era già tornato a collaborare con i suoi vecchi compagni per una serie di registrazioni e per la cover di Everybody Hurts dei REM, ma ora tutto sembra indicare la volontà di un impegno più consistente e duraturo.

A parte la comprensibile felicità di alcuni fan e l’entusiasmo per una notizia del genere, che potrebbe portare a buoni lavori futuri, se ci fermiamo un attimo a riflettere sul fatto, sorgono alcune perplessità.

A me pare che a guadagnarci da questo ritorno possa essere Williams più che i Take That.
Il cantante non ha attraversato negli ultimi tempi un periodo felice, sembra giù di forma nelle apparizioni televisive e i suoi lavori più recenti, sebbene abbiano venduto come al solito, non convincono molto quanto a qualità.

I Take That invece hanno da tempo raggiunto maturità ed equilibrio e i loro dischi sono più consistenti e interessanti rispetto a quelli di Williams. Ricordiamo anche che Robbie li aveva mollati sia per trovare nuove ispirazioni sia per certi problemucci con la droga, problemi che non credo si siano risolti completamente…

Certo, la mossa garantirà comunque un ritorno pubblicitario non indifferente per tutti quanti ma la sensazione è che in tutto l’affare sia Williams a guadagnarci qualcosa in più.

Voi cosa ne pensate?


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009