50.000 spettatori osannanti per i Depeche Mode a Roma

Di , scritto il 17 Giugno 2009

Depeche ModeQuando ieri sera David Gahan ha fatto irruzione sul palco, l’enorme folla accorsa allo Stadio Olimpico lo ha accolto con un boato. Nonostante le cure a cui si è sottoposto per il  tumore che lo ha colpito recentemente, ha comunque dimostrato che il carisma della band inglese è quello di sempre.

Da vent’anni i Depeche Mode sono sulla cresta dell’onda. Senza di loro forse la musica elettronica non avrebbe fatto il giro del mondo riempiendo interi stadi come è successo ieri sera e come – con tutta probabilità – avverrà anche domani sera a Milano. E anche lì ci sarà un palco elegantissimo, con tre maxischermi e sofisticati giochi di luci.

Un gruppo che non si lascia influenzare eccessivamente dal passare del tempo e anche se la maggior parte dei loro fan sono i quarantenni nostalgici del rock che concilia magicamente elettronica e dance, anche ieri è stato dimostrato che la loro musica riesce a unire le generazioni in un concerto di quelli che vorresti non finissero mai.

Mascherine in pronta consegna

3 commenti su “50.000 spettatori osannanti per i Depeche Mode a Roma”
  1. Valerio ha detto:

    In effetti era pieno di ragazzine e anche niente male XD

  2. damiano ha detto:

    non ha scritto un articolo del cavolo,
    ha scritto delle frasi buttate li giusto per scrivere qualcosa,
    il concerto dei mitici DM è stato ben altro spettacolo,che solo un vero fans può capire
    e descrivere

    damiano

  3. Marco ha detto:

    Ma calvo cosa? Quale concerto hai visto? Anche le immagini televisive lo mostrano bene. E se eri davvero allo stadio avrestri visto che oltre ai quarantenni, era piano pieno di ragazzine. Che articolo del cavolo che hai scritto…..


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloSpettacolo.it – Guida al mondo dello spettacolo a 360 gradi supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009